LE FOTOGRAFIE CHE HANNO FATTO LA STORIA: I TRE MARTIRI

Gli orrori della guerra.

Questa era piazza Tre Martiri, il 16 agosto 1944. (Al tempo piazza Giulio Cesare).
I tre giovani nella foto erano: Luigi Nicolò, di 22 anni, falegname, Mario Capelli (o Cappelli, il cognome di quest’ultimo è molto discusso, ma nella lapide che ne ricorda i nomi è riportato con una sola P), di 23 anni, lucidatore di mobili e Adelio Pagliarani, di 19 anni, contadino. Tutti facevano parte del Distaccamento della 29^ Brigata GAP “Gastone Sozzi”.
La piazza prende il nome, appunto, da questi tre ragazzi partigiani che, dopo aver compiuto un azione di sabotaggio nei confronti dei tedeschi, vennero catturati in via Ducale e processati lo stesso giorno (riconosciuti colpevoli di “ammassamento clandestino di armi e munizioni a fine terroristico e di reati di sabotaggio e attentati contro cose e persone”). Il quarto ragazzo, Alfredo Cecchetti, non venne, fortunatamente, catturato, in quanto nel momento della cattura non era con i tre. 
I tre cadaveri rimasero esposti in piazza un giorno intero, così da “intimorire” i cittadini di Rimini.

Immagine

2 pensieri su “LE FOTOGRAFIE CHE HANNO FATTO LA STORIA: I TRE MARTIRI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...