LE FOTOGRAFIE CHE HANNO FATTO LA STORIA: GLI ANNI DI PIOMBO

L’autore della fotografia considerata uno dei simboli delle proteste e delle violenze degli anni Settanta, i cosiddetti “anni di piombo” si chiamava Paolo Pedrizzetti
La fotografia, scattata durante i disordini di Milano il 14 maggio 1977, ritrae un manifestante in Via De Amicis, con il volto coperto e una pistola in mano, pronto a sparare ad altezza d’uomo. 
Quel giorno, il 14 maggio, durante gli scontri morì l’agente di polizia Antonio Custra. 
Grazie alle foto di Pedrizzetti fu possibile risalire agli assassini. 
Lunedì 16 dicembre 2013, all’età di 66 anni, Paolo Pedrizzetti (l’uomo che fissò sulla pellicola l’immagine diventata simbolo degli anni di piombo) e sua moglie Raffaella Mattia sono tragicamente morti ad Arona in provincia di Novara, precipitando dal balcone di casa mentre montavano le luci di Natale.

Immagine

5 pensieri su “LE FOTOGRAFIE CHE HANNO FATTO LA STORIA: GLI ANNI DI PIOMBO

  1. Oh mamma! Quelli erano anni in cui a Milano non si poteva andare in giro così liberamente per noi ragazzi: il rischio di trovarsi in mezzo agli scontri era altissimo. Mi ricordo ancora l’angoscia dei miei genitori quando tardavo anche solo 5 minuti (e comunque noi allora avevamo il coprifuoco orario che le generazioni odierne non sanno nemmeno cosa sia).
    Ma che tempi!!
    Ciao
    Sid

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...