MAMMA BLOGGER, ASSASSINA.

La storia di  Lacey Spears e del suo bimbo Garnett, morto a soli cinque anni , ha destato molto scalpore negli Stati Uniti.

Questa mamma, diventa blogger per condividere con il resto del mondo la sua vita e le sue tristi peripezie causate dalle continue malattie del piccolo  Garnett, ma lei con il supporto di tante persone andava avanti ottenendo una certa notorietà nel mondo dei blogger per la sua triste storia.

Ma succede qualcosa, dopo la morte del bimbo, viene effettuata l’autopsia dalla quale si evince che la causa della morte è avvelenamento da cloruro di sodio.

Ora le cose cambiano per la giovane madre, chi ha potuto avvelenare il bimbo se non lei?

Perchè in un intercettazione telefonica subito dopo la morte del bambino lei chiede ad un amico di portare via un sacchetto da casa?

Ora gli investigatori cercano prove schiaccianti per poterla incriminare.

Ma come può una madre fare una cosa del genere? Forse non tutti conoscono una malattia psichiatrica chiamata

Sindrome di Münchhausen per procura ,  le persone affette da questo disturbo, di solito madri di bimbi piccoli, creano tutte le circostanze possibili affinchè i loro figli si ammalino di qualsiasi patologia possibile, arrivando come in questo caso a provocare lesioni o avvelenamenti, il tutto per attirare l’attenzione, la compassione e  l’ammirazione delle persone a cui loro sbandierano il loro stato d’animo e la loro forza nel portare avanti una situazione così difficile.

Per chi ne volesse sapere di più:

http://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_di_M%C3%BCnchausen_per_procura

bilde

 

9 pensieri su “MAMMA BLOGGER, ASSASSINA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...