LE FOTOGRAFIE CHE HANNO FATTO LA STORIA: RAPIMENTI DI STATO

Questa è l’ultima foto ufficiale in cui appare Gedhun Choekyi Nyima, il più piccolo prigioniero politico del mondo (essendo nato il 25 aprile 1989).

E’ il 14 maggio 1995 e il Dalai Lama eleva il piccolo, di soli 6 anni, allo stato di Panchen Lama (reincarnazione del Bodhisattva della Conoscenza), la seconda carica più importante del Buddismo tibetano. Il Panchen Lama ed il Dalai Lama sono uniti da un rapporto unico (come “sole e luna”) in cui il ruolo fondamentale del Panchen Lama è di ritrovare e riconoscere, alla morte del Dalai Lama, la sua reincarnazione sulla terra.

Lo stesso ruolo è riconosciuto al Dalai Lama che oltre a riconoscere la reincarnazione del Panchen Lama si occupa della sua formazione ed educazione. Proprio per questo motivo, nel tentativo di indebolire e delegittimare una delle più alte cariche di tutto il Tibet occupato e del buddismo, qualche giorno dopo la cerimonia, la polizia cinese rapisce il bambino e tutta la sua famiglia, facendone perdere completamente e per sempre le tracce.

Qualche mese dopo, l’11 novembre 1995, il governo di Pechino, che da allora tiene in ostaggio il legittimo Panchen Lama, nomina un “suo sostituto”, il cosiddetto Panchen Lama di Pechino, un bambino figlio di esponenti del Partito Comunista e favorevole alle politiche del governo cinese, in modo da pilotare la futura nomina del prossimo Dalai Lama (alla morte dell’attuale, il 79enne Tenzin Gyatso).

Da allora, il piccolo Gedhun Choekyi (che, se ancora in vita, oggi dovrebbe avere 25 anni, di cui 19 passati in prigionia) è tenuto ostaggio insieme a tutti i membri della sua famiglia ed il governo cinese, ancora oggi, si rifiuta di fornire qualsiasi notizia circa il suo stato di salute ed il luogo in cui è tenuto prigioniero, nonostante le richieste della comunità internazionale e del governo tibetano in esilio, dimostrando ancora una volta la sua rigida politica di totale repressione della cultura del Tibet, occupato dall’esercito cinese fin dal lontano 1959. 

4 pensieri su “LE FOTOGRAFIE CHE HANNO FATTO LA STORIA: RAPIMENTI DI STATO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...