RACCONTI DI VIAGGIO: RIESE COMPLEX, IL SEGRETO DI HITLER

Nascosto tra le montagne polacche della Bassa Slesia, al confine con la Repubblica Ceca si trova il Riese complex, bunker sotterraneo che copre oltre 35 chilometri quadrati fatto costruire da Hitler tra il 1943 e il 1945.

Le ipotesi che sono state fatte sul motivo della realizzazione di un progetto tanto gigantesco sono varie, dalla sperimentazione di armi di distruzione di massa, alcuni teorizzano la realizzazione di un progetto militare aereo chiamato col codice v-7 , altri pensano al bunker come luogo per trafugare tutto il consistente bottino di guerra nazista, infine ,più semplicemente si ipotizza un’ enorme città sotterranea come base di Hitler.

Non si verrà mai a sapere la verità ,come spesso accade in questi casi, perchè anche se fosse scoperte, a noi comuni mortali verrebbe tenuta nascosta, soprattutto se coinvolgesse casi di sperimentazione militare .

Il dato di fatto è uno però, li dentro è stato versato tanto sangue innocente, per costruirlo infatti sono stati usati dei deportati di un campo di concentramento vicino, le condizioni erano proibitive, pochissimo cibo, nessun sostegno medico, infatti, quando un deportato mostrava segni di cedimento o semplicemente un malore veniva mandato a morte nei campi di sterminio.

Per il Reich erano solo oggetti, macchine da lavoro che una volta diventate inutilizzabili venivano gettate via.

Noi abbiamo visitato solo una piccola parte,in quanto è davvero gigantesco e si divide in diversi complessi,alcuni che possono essere visitati solo con una piccola barca.

Questo luogo rimane ancora poco conosciuto, e poco visitato, quasi esclusivamente da amanti della storia della seconda guerra mondiale, mentre penso che meriterebbe più attenzione, il fascino del mistero che lo avvolge è grande, ed è incredibile cedere l’immensità del lavoro che è stato fatto.

Voglio mostrarvi alcune foto che abbiamo scattato al suo interno.

 

Come si può vedere nelle foto, all’interno sono state trovate armi, tavoli di tortura per gli interrogatori, zone di guardia armate, nessuna sa cosa si faceva in quelle infinite gallerie che ancora oggi si mantengono perfettamente intatte ma credetemi, la fantasia vola, perchè in certo senso ti senti dentro la storia, e immagini quante persone hanno camminato, quante hanno versato il loro sangue, i carri armati che si muovevano nelle gallerie, è stato davvero emozionante !!!

Per chi avesse la curiosità di sapere altro in merito lascio un link sul KOMPLEX RIESE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...