TUTTO IN FORNO !!!

Un bel pezzo di carne di maiale, patate e cipolle, gusti semplici , senza troppi artifici culinari.

Le patate fatte al cartoccio ripiene di panna acida e un pochino di aneto, ottima nella sua semplicità, come accompagnamento delle cipolle semplicemente tagliate a metà , spennellate con olio evo e sale.

Per quanto riguarda la carne, ho fatto una marinatura a secco usando un mix di spezie a base di paprica e lasciato marinare la carne per qualche ora 🙂 la cottura lenta circa due ore e mezza a 150 gradi .

Il risultato è una carne tenerissima con una crosta croccantissima e visto che c’ero invece delle solite bruschette ho optato per del pane carasau infornato con olio e sale, che in questo modo prende il nome di pane guttiau .

BUON APPETITO !!!

COLD CASE, JACK LO SQUARTATORE

La sua storia macabra ha affascinato milioni di lettori e telespettatori che nel corso dei secoli, perchè ormai di secoli si tratta hanno raccontato le sue vicende senza conoscerne l’identità.

Ma chi era veramente quel brutale assassino che mutilava le sue vittime con tanta precisione?

Secondo Russell Edwards , grazie ad  un vecchio scialle appartenuto ad una delle vittime dello sfortunatamente noto quartiere di Whitchapel a Londra, ancora intriso di sangue , grazie al dna ha svelato il nome dell’assassino, confrontandolo con i discendenti della vittima e del presunto carnefice.

Il suo nome è  Aaron Kominski, immigrato polacco che faceva il barbiere e che nel 1889 morì internato in un manicomio di Londra senza essere mai formalmente accusato.

Jack-the-Ripper-shawl-3

Il suo nome era presente nelle indagini dell’epoca, ma nonostante gli interrogatori gli investigatori non riuscirono mai a provarne la colpevolezza, ad oggi ,dopo ben 126 anni , la scienza ci ha permesso di dare un nome ad un assassino !!!

L’ispettore Donald Swanson, a capo delle indagini, scrive di Kominski nei suoi appunti:” è un ebreo polacco, di basso ceto, che vive con la sua famiglia a Whitechapel, la zona tristemente rinomata per i suoi quartieri degradati e teatro degli efferati delitti del killer.” e ancora «ha un grande odio per le donne … con forti tendenze omicide».

Che dire, per me, che sono un’appassionata di criminologia è una scoperta interessantissima e non posso esimermi dal comprare e dal consigliare agli estimatori del genere il libro di Russel Edwards 🙂