L’altra faccia della perbenista Svizzera

Questa è la storia dei bambini a contratto, strappati alle famiglie dallo stato della buonista, perbenista e precisa Svizzera e sfruttati come manodopera a basso costo .

Stiamo forse parlando di epoche passate? No tutto ciò accadeva fino agli anni 70, sotto il nostro naso, sotto gli occhi di tutti , senza che nessuno battesse ciglio a tutela di quei minori.

David Gogniat, ad oggi uomo di 76 anni racconta di essere portato via da casa sua mentre due uomini immobilizzavano sua madre  , ricorda un’infanzia felice anche se la madre era molto povera e i suoi fratelli erano stati portati via dalla polizia un anno prima di lui…

Venne portato in una fattoria in cui la sua giornata iniziava alle 6 di mattina e finiva solo alle 10 di sera, spaventato da un patrigno violento che non perdeva occasione per mettergli le mani addosso.

David come tantissimi altri bambini hanno un nome verdingkinder – i bambini a contratto che sono stati usati come manodopera a basso costo nelle aree rurali della Svizzera tra il 1850 e il 1979.

verdingkinder2

Questi bimbi venivano portati via forzosamente dallo stato con la motivazione che i genitori non potevano garantire loro un adeguato sostentamento economico perciò venivano strappati alle famiglie e affidati a questi agricoltori che supportati da uno stato complice forniva loro la manodopera , il fenomeno si è esaurito soltanto con la meccanizzazione dell’agricoltura e perciò lo sfruttamento di questi bimbi non era più necessario.

Questa storia mi ha lasciata di stucco, una storia recente di cui nessuno parla e che tutti forse preferiamo non vedere e che ancora oggi accade in tante parti del mondo soprattutto nei paesi sottosviluppati e che le multinazionali supportano per i loro scopi .

Mi chiedo se mai riusciremo ad avere un mondo in cui i bambini di ogni colore e razza facciano solo i bambini , vivendo sereni senza essere abusati in ogni modo possibile…. scrivo questa frase consapevole del fatto che sia solo pura utopia….

verdingkinder3