L’altra faccia della perbenista Svizzera

Questa è la storia dei bambini a contratto, strappati alle famiglie dallo stato della buonista, perbenista e precisa Svizzera e sfruttati come manodopera a basso costo .

Stiamo forse parlando di epoche passate? No tutto ciò accadeva fino agli anni 70, sotto il nostro naso, sotto gli occhi di tutti , senza che nessuno battesse ciglio a tutela di quei minori.

David Gogniat, ad oggi uomo di 76 anni racconta di essere portato via da casa sua mentre due uomini immobilizzavano sua madre  , ricorda un’infanzia felice anche se la madre era molto povera e i suoi fratelli erano stati portati via dalla polizia un anno prima di lui…

Venne portato in una fattoria in cui la sua giornata iniziava alle 6 di mattina e finiva solo alle 10 di sera, spaventato da un patrigno violento che non perdeva occasione per mettergli le mani addosso.

David come tantissimi altri bambini hanno un nome verdingkinder – i bambini a contratto che sono stati usati come manodopera a basso costo nelle aree rurali della Svizzera tra il 1850 e il 1979.

verdingkinder2

Questi bimbi venivano portati via forzosamente dallo stato con la motivazione che i genitori non potevano garantire loro un adeguato sostentamento economico perciò venivano strappati alle famiglie e affidati a questi agricoltori che supportati da uno stato complice forniva loro la manodopera , il fenomeno si è esaurito soltanto con la meccanizzazione dell’agricoltura e perciò lo sfruttamento di questi bimbi non era più necessario.

Questa storia mi ha lasciata di stucco, una storia recente di cui nessuno parla e che tutti forse preferiamo non vedere e che ancora oggi accade in tante parti del mondo soprattutto nei paesi sottosviluppati e che le multinazionali supportano per i loro scopi .

Mi chiedo se mai riusciremo ad avere un mondo in cui i bambini di ogni colore e razza facciano solo i bambini , vivendo sereni senza essere abusati in ogni modo possibile…. scrivo questa frase consapevole del fatto che sia solo pura utopia….

verdingkinder3

9 pensieri su “L’altra faccia della perbenista Svizzera

  1. Cara Giò! In Italia nelle campagne gli extracomunitari hanno recentemente (diciamo, negli ultimi quindici – vent’anni) sostituito bambini e donne nei lavori agricoli, soprattutto per la raccolta dei pomodori e la vendemmia. E’ un fenomeno notissimo di cui tutti (Stato, Governo, Istituzioni, Sindacati etc.) fanno finta di niente! La Svizzera è uguale all’Italia. Ma senza la componente “mafiosa” e di “caporalato” che regola queste faccende nel Bel Paese 😦
    Bacio
    Sid

    Mi piace

    • che ci sia sfruttamento di persone per la manovalanza a basso costo è cosa nota, ma che ti portino via i tuoi figli da casa per darli in affido per sfruttarli come schiavi soprattutto col supporto dello stato non l’ho mai sentita… la cosa aberrante è questa , il supporto statale a questa vergogna !!!

      Mi piace

      • In Svizzera lo stato, in Italia la mafia: che differenza c’è?
        Nelle zone rurali italiane, i bambini erano “affidati” (pensa che termine elegante!) ai facoltosi latifondisti che avrebbero provveduto alla loro “educazione”. Metà della famiglia friulana di mia madre è fuggita in Francia per evitare lo sfruttamento nei campi per un piatto di polenta al giorno!
        Bacio
        Sid

        Mi piace

  2. La Svizzera nasconde ancora i tesori accumulati dalle razzie naziste, ha permesso a questi criminali di condurre ancora una vita agiata, attualmente ricicla il denaro sporco delle organizzazioni criminali ed è stato uno dei primi paesi a legalizzare la prostituzione, che è comunque una forma di schiavitù. Questa dei bambini non la sapevo e si aggiungerà hai tanti motivi che ho per disprezzarla. Che poi la mafia faccia le stesse cose in Italia è un altro paio di maniche, renderle legali è molto più grave.

    Mi piace

    • per quanto riguarda il nazismo ho letto tantissimo riguardo la Svizzera e hai perfettamente ragione idem per il riciclaggio, tempo addietro mi aveva lasciata allibita invece il fatto che fosse concesso agli svizzeri di sparare ai randagi come se nulla fosse, e ci stupiamo e critichiamo i lontani cinesi che mangiano i gatti quando invece li abbiamo sotto casa…. per la serie che dietro una bella facciata spesso si nasconde la melma!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...