TROTTERELLANDO PER ZEEBRUGGE

Vorrei parlarvi oggi della città che mi ospita, si chiama Zeebrugge ed è una frazione di Bruges ( o Brugge , come preferiscono chiamarla qui ).

Letteralmente significa, Bruges sul mare… qui si parla il fiammingo ( olandese) e appunto zee significa mare.

Le lingue ufficiali in Belgio sono tre, francese ( per mia fortuna ) , olandese e tedesco, senza contare che tutti parlano perfettamente inglese, se faccio il paragone con l’Italia mi vengono i capelli dritti, siamo onesti…

Si tratta di un isolotto collegato da dei ponti levatoi ( mi fa pensare ai castelli delle fiabe ) con un grande porto commerciale e turistico in cui ogni giorno attraccano mercantili e navi da crociera .

A proposito, notate nulla di strano nella foto che ho fatto da casa mia 🙂

11798586_10153330024466329_1705143084_n

Città piccola, incredibilmente pulita e serena, dove tutti girano in bicicletta e non si curano dei 10 gradi mattutini nonostante sia luglio, ed escono in canotta e infradito 🙂

Devo dire che questo posto mi rilassa, mi ha fatto venire voglia di comprare la bicicletta, anche se quella che voglio io, cioè pieghevole , è terminata e devo aspettare un po’… sono impaziente ❤

La vita scorre tranquilla, tra le lunghe passeggiate mattutine sul lungomare o per le vie del centro, ad osservare tutto ciò che cattura la mia attenzione, come per esempio un curioso aggeggio per essiccare il pesce 🙂 oppure i più svariati numeri civici che, a quanto pare ognuno può mettere come gli pare e piace !!!

La cosa più bella di vivere in luoghi sempre diversi è apprendere la loro cultura,  abitudini e viverle quotidianamente, cogliere e fare proprie le parti migliori ,è una continua crescita personale e ringrazio di avere la possibilità di viverla ogni giorno!!!

Ora vi faccio fare una passeggiata insieme a me …

ESPLORANDO IL BELGIO

Ci siamo subito dati da fare nelle nostre esplorazioni, come si dice, chi ha tempo non aspetti tempo !!!

Da dove iniziare ? Ma si,dalla città di Oostende, dove siamo andati a vedere le bellissime sculture di sabbia !!!

La prima cosa che si nota in queste città è la pulizia e la cortesia che forse noi italiani spesso ci dimentichiamo nelle nostre città, il senso civico è palpabile!!!

Percorriamo il bellissimo lungomare costellato di negozi e ristorantini che contornano questa passeggiata pedonale /ciclabile e arriviamo al punto in cui sono esposte le sculture, i prezzi non sono certo abbordabili come quelli della Bulgaria, qui è tutto più costoso oltre il doppio, paghiamo il biglietto e ci godiamo la mostra 🙂

Dopo una bella bibita fresca proseguiamo in nostro giro per la città, ricchissima di chioschi che vendono street food locale, pesce, frutti di mare crudi o cotti e la tipicissima frittura belga mista e le immancabili patatine !!

Svetta sulla città una chiesa e decidiamo di raggiungerla, ci lascia piacevolmente stupiti per la sua grandezza e la sua architettura, mi ha ricordato decisamente Notre Dame de Paris

Si tratta della chiesa di San Pietro e Paolo che purtroppo , visto l’orario, è chiusa, ma come sempre sarà una scusa per tornare in questa graziosa città che ha ancora da mostrarci parecchie cose, come L’Atlantic wall museum e Il forte di Napoleone .

Ma ci sarà tempo per scoprire tutto ❤

IL TEMPO VOLA…

Il tempo scorre veloce e tra mille peripezie è arrivato anche il mio compleanno, chi l’avrebbe detto che l’avrei trascorso qui in Belgio nella nuova casetta…. è proprio vero che la vita ci rivela tante sorprese ❤

Non abbiamo avuto nemmeno il tempo materiale di pensare ad organizzare qualcosa di particolare, nuova, casa, nuovo stato,nuova lingua , nuovo tutto insomma !!!

Il 14 Luglio ho compiuto 37 anni , qualcuno di troppo lontana da casa , come ha tenuto a precisare la mia mamma su skype ❤

La giornata è trascorsa tra pensieri , ricordi e scatoloni ancora di disfare mentre il Safety ha trascorso la giornata a lavoro , ma poi è arrivato con una sorpresa carina e dolce come sempre, come solo lui sa fare , perchè ormai ha imparato che sono come una bambina e ci tengo tantissimo alle piccole cose 🙂

Si è presentato con una bella torta di compleanno tutta ricoperta di fragole ❤ e ha deciso di portarmi in un delizioso e raffinato ristorante non lontano da casa .

Abbiamo trascorso una bellissima serata, cercando di decifrare il menù con le squisitezze di mare e chiacchierando come sempre di tutto, di noi e della nostra nuova vita , in cui , sicuramente non ci si annoia mai:)

Volete sapere qual’è il mio regalo di compleanno??? ❤

Ancora è presto ….a breve saprete e vedrete 🙂 🙂 🙂

RACCONTI DI VIAGGIO: DALL’ALTO DEI BASTIONI

Finalmente è arrivato il giorno in cui decidiamo di dedicarci alla zona di Buda iniziando con una fantastica colazione nella più antica pasticceria di Budapest nonchè la preferita della Principessa Sissi ❤ scusate se è poco 🙂 ma come anticipato farò un bel post su tutte le cosine buone che ho assaggiato in questa splendida città !!!

Dalla pasticceria possiamo scorgere la maestosità della Chiesa di Mattia con le sue guglie che si stagliano verso il cielo e i suoi magnifici interni  colorati e stupendamente decorati ,l’abbiamo trovata veramente meravigliosa.

Proseguiamo il percorso con i Bastioni del Pescatore dai quali si può ammirare tutta città e il Danubio in uno splendido scenario da immortalare più e più volte, senza mai annoiarsi… l’unico neo è stata la grande quantità di turisti che impedivano di godersi appieno il panorama , orde di anziani Giapponesi armati di macchine fotografiche, ammiro questo popolo di viaggiatori di ogni età, avidi di conoscenza e di sapere come tutti dovrebbero essere !!!

Direzione Castello di Buda ,situato a breve distanza dai Bastioni , ci si può arrivare anche con la funicolare, ma noi essendo già nella parte alta non ne abbiamo avuto la necessità se non per scendere.

Ci troviamo di fronte una inattesa parata militare del mezzogiorno per il cambio della guardia, interessante intermezzo prima della visita al castello, che essendo stato restaurato nei suoi interni in epoca recente abbiamo preferito visitare solo dall’esterno e devo dire che è stato davvero un belvedere !!!

Che dire, spero che vi stia piacendo la città vista coi miei occhi e con il mio obiettivo 🙂 A domani ❤

RACCONTI DI VIAGGIO : BUDAPEST

Eccomi finalmente a raccontarvi del nostro viaggio a Budapest 🙂

Partenza da Burgas ad un orario abbastanza comodo che per via del piccolo fuso orario ci permette anche di guadagnare tempo per la visita alla città !!!

Pronti per la nuova avventura!!! Arrivati all’areoporto ci rendiamo subito conto che è tutto molto ben organizzato , infatti una compagnia che gestisce i taxi ti informa sul prezzo che dovrai pagare e in una fila ordinatissima attendi il tuo turno, nemmeno due minuti di attesa e via….

Arriviamo in città esattamente davanti al nostro appartamento e ne prendiamo possesso, decisamente carino, curato e personale molto disponibile , lo consiglio sicuramente IVORY BOUTIQUE APARTMENTS !!!

Abbandonato immediatamente l’appartamento iniziamo la nostra perlustrazione 🙂 ci imbattiamo immediatamente in una piccola mostra temporanea di oggetti appartenuti ai deportati del nazismo, molto toccante vedere quegli oggetti e avere quasi paura di toccarli , per rispetto…

Dopo essere rimasti ad ammirare dei fantastici bimbi che si divertivano nella fontana con i loro costumini e avere il desiderio di essere di nuovo bambini, proseguiamo verso un monumento che mi ha colpito fin dal primo momento delle mie ricerche su questa città , scarpe sulla passeggiata del Danubio… incredibilmente realistiche danno realmente la sensazione che quelle scarpe siano appartenute a persone che sono poi finite nell’oblio di qualche lager…probabilmente ancora inconsapevoli di quello che stava per accadere loro… è stato molto toccante ❤

Proseguendo per la passeggiata lungo il Danubio vediamo il bellissimo parlamento, il caldo ci attanaglia purtroppo ma proseguiamo in un giro della città fino a sera per finire nuovamente davanti a questo fiume stupendo per ammirare il tramonto …

Per ora che ne pensate di Budapest??? Domani proseguirò col mio piccolo diario di viaggio e vorrei dedicare un post speciale alla cucina ungherese, merita veramente !!!

PIRATI ED EDUCAZIONE AMBIENTALE…

Sono sempre in movimento e macino chilometri ogni giorno tra esplorazioni o semplici passeggiate per la città e i suoi meandri nascosti.

Il bello dei bulgari e degli abitanti di Burgas nello specifico è la loro partecipazione agli eventi cittadini, siano essi importanti oppure di poco rilievo, le persone si affollano con grande enfasi ad ogni piccolo , grande evento organizzato per loro e questo gli fa davvero merito perchè rendono la città sempre molto viva.

Cosa avrò scovato di bello stavolta da mostrarvi?

Essendo sempre super informata grazie ad internet ( che non smetterò mai di ringraziare ) ho deciso che invece di andare in spiaggia visto il forte vento sarebbe stato carino andare a vedere una piccola imbarcazione che si trova nel porto turistico (appena costruito) che mi sa di nave dei pirati!!!

Come avrete già capito, sono come una bambina , amo tutto ciò che mette in moto la fantasia, i pirati sono davvero interessanti e dopo l’interpretazione di Johnny Depp sono pure sexy 🙂

La cosa carina è che questa imbarcazione viene utilizzata per fare educazione ambientale per grandi e piccini , segno di grande civiltà e voglia di cambiare, infatti fa parte di un progetto più ampio che vede i cittadini volontari che puliscono spiagge e aree protette, davvero una bella iniziativa !!!

Un dolce buongiorno

A furia di pubblicare dolci penserete che io sia una zucchero dipendente 🙂 invece è l’esatto opposto, vado matta per il salato… infatti il dolcetto ci sta bene solo la domenica ❤

Anche se in ritardo vi posto i bon bon al cioccolato, gustosi e belli da vedere , la ricettina ve la posto qui

SIAMO SEMPRE IN FESTA !!!

Ebbene si, qui in Bulgaria siamo sempre in festa 🙂 feste nazionali, commemorazioni, feste folkloristiche , insomma non si finisce mai… e io ? Ovviamente sono sempre a zonzo a partecipare !!!!

Il 6 Maggio è la festa di San Giorgio e delle forze armate bulgare, la città in festa, tutti in giro, giovani , anziani , famiglie con bambini, approfittano del sole per godersi le varie parate militari, concerti e bande musicali sparsi per il centro città.

Io, dopo una breve tappa alla parata militare, mi sono diretta verso il nuovo porto turistico , che devo ammettere sta diventando proprio bello e ho deciso di visitare una bella nave militare ferma in porto a beneficio di cittadini e turisti :), per la precisione si tratta della “FREGATA GORDI “.

La fila era abbastanza lunga ma non mi ha scoraggiata , dopo aver preso i dati dei miei documenti , poveretto ci ha messo tre ore a pronunciare il mio nome e cognome 🙂 sono potuta salire insieme ad un gruppetto di persone ed uno dei comandanti che ci ha  fatto da cicerone con tantissime spiegazioni , ovviamente io ho capito meno della metà di quello che diceva , ma va bene ugualmente 😉

Come potete immaginare avevo con me la mia fidata e inseparabile compagna , la mia reflex , perciò eccovi qualche foto!!!

BULGARIA, LA FORTEZZA DI OVECH

La primavera ci assiste e noi continuiamo con le nostre gite alla scoperta della Bulgaria, questa volta la destinazione è stata la fortezza di Ovech, nella regione di Varna.

Le mie ricerche su internet sono una manna per scovare luoghi poco conosciuti e caratteristici che ci permettono di passare giornate spensierate in compagnia delle nostre fidate reflex.

La fortezza di Ovech che si trova nella città di Provadia è stata costruita intorno al quarto secolo dai bizantini e svolgeva un ruolo difensivo, ma nel corso dei secoli è stata abitata da Traci, Romani e Turchi .

Si possono osservare i resti di una cattedrale a tre navate , un pozzo profondo circa 80 metri e il ponte levatoio che impediva l’ingresso ai nemici e la altissima scalinata scavata nella roccia ( originale) dalla quale siamo saliti.

Arrivati sull’altopiano restiamo incantati dal panorama, iniziamo a perlustrare ed osservare , ci dirigiamo su quello che rimane della fortezza, il ponte levatoio e il lunghissimo e suggestivo ponte di legno.

Ho avuto anche una brutta sorpresa che mi stava per far prendere un accidenti!!! Mentre facevo degli scatti ,un enorme rospo stava uscendo dalla tana, e con la mia fervida fantasia ho pensato che il rospo fosse solo la testa di un gigantesco serpente pronto ad attaccarmi, morale della favola, per il resto della gita ho tenuto lo sguardo basso 🙂 oltre essere stata ripetutamente derisa dal mio amato Safety , che purtroppo per lui , non è nuovo a queste mie uscite con tanto di urla a mo di film horror 🙂 🙂 🙂

A parte le solite cose che combino, il panorama era davvero bellissimo, eravamo accompagnati da decine di bellissime rondini  ed è stata davvero una piacevolissima giornata.

BEGLIK TASH, LA STONEHENGE BULGARA

Salve a tutti 🙂 come avete trascorso le vacanze di Pasqua ? Qui in Bulgaria, per gli ortodossi è la domenica delle palme e questa settimana festeggeranno la loro Pasqua.

Purtroppo il lavoro del mio amato Safety non ci permette di fare chissà quali grandi cose visto e considerato che ha dovuto lavorare anche ieri, così abbiamo deciso di anticipare la cosiddetta gita fuori porta.

Abbiamo approfittato della giornata per andare a vedere un luogo che avevamo deciso di visitare da un pochino, ovvero BEGLIK TASH , luogo mistico in cui i TRACI facevano dei riti propiziatori nei momenti più importanti dell’anno come il solstizio e l’equinozio che scandivano le varie stagioni.

Composto da grandi monoliti di origine vulcanica formatisi dopo un eruzione nell’era Mesozoica, è davvero affascinante da vedere , è come tornare indietro nel tempo ed immaginare le antiche popolazioni trace e i loro riti.

Una cosa interessante è che non hanno trovato nelle rocce alcuna traccia di sangue , questo ci fa pensare che i loro sacrifici agli dei fossero esclusivamente vegetali , questo è importante per capire l’evoluzione di un popolo.

Per chi si trovasse in Bulgaria durante il solstizio d’estate è bello sapere che vengono rievocati antichi riti con delle rappresentazioni bellissime, che se sarò ancora a qui non mancherò di ammirare e di fotografare 🙂

Per arrivare in questo luogo incantato si deve percorrere qualche chilometro a piedi in mezzo ai boschi, immersi esclusivamente nei rumori della natura, non ho potuto evitare di vedere centinaia di orme di animali diversi, ma malgrado fossi molto attenta non sono riuscita a scorgere nessun animale, che , giustamente , si tengono ben lontani dall’uomo, come biasimarli !!!

Abbiamo fatto un bel picnic , perchè come sapete, la voglia di cucinare non manca mai e la mia odiata dieta nel giorno di Pasqua non conta ahahahaha 🙂

Vi lascio con qualche foto e aspetto i vostri racconti ❤