LA FORZA DELLA VITA

Non mi stancherò mai di ripetere che certe fotografie immortalano la storia, momenti felici, momenti bui, hanno il potere di fissare nel tempo un istante che cambierà il corso degli eventi futuri.

Oggi posterò quello che per me è un simbolo di rinascita, di come la vita, nonostante tutto, vada avanti , oggi questo simbolo ha il volto di un bambino di soli quattro mesi, salvato dalle macerie dopo il terribile terremoto in Nepal, che ha gettato nel terrore un’intera popolazione, i sopravvissuti a piangere le proprie vittime solo per un attimo, prima di cercare di andare avanti, andare oltre e aiutare i feriti, chi non ha più nulla…

1

Quando una foto vale più di mille parole…

Siria-bambina--668x445

BEGLIK TASH, LA STONEHENGE BULGARA

Salve a tutti 🙂 come avete trascorso le vacanze di Pasqua ? Qui in Bulgaria, per gli ortodossi è la domenica delle palme e questa settimana festeggeranno la loro Pasqua.

Purtroppo il lavoro del mio amato Safety non ci permette di fare chissà quali grandi cose visto e considerato che ha dovuto lavorare anche ieri, così abbiamo deciso di anticipare la cosiddetta gita fuori porta.

Abbiamo approfittato della giornata per andare a vedere un luogo che avevamo deciso di visitare da un pochino, ovvero BEGLIK TASH , luogo mistico in cui i TRACI facevano dei riti propiziatori nei momenti più importanti dell’anno come il solstizio e l’equinozio che scandivano le varie stagioni.

Composto da grandi monoliti di origine vulcanica formatisi dopo un eruzione nell’era Mesozoica, è davvero affascinante da vedere , è come tornare indietro nel tempo ed immaginare le antiche popolazioni trace e i loro riti.

Una cosa interessante è che non hanno trovato nelle rocce alcuna traccia di sangue , questo ci fa pensare che i loro sacrifici agli dei fossero esclusivamente vegetali , questo è importante per capire l’evoluzione di un popolo.

Per chi si trovasse in Bulgaria durante il solstizio d’estate è bello sapere che vengono rievocati antichi riti con delle rappresentazioni bellissime, che se sarò ancora a qui non mancherò di ammirare e di fotografare 🙂

Per arrivare in questo luogo incantato si deve percorrere qualche chilometro a piedi in mezzo ai boschi, immersi esclusivamente nei rumori della natura, non ho potuto evitare di vedere centinaia di orme di animali diversi, ma malgrado fossi molto attenta non sono riuscita a scorgere nessun animale, che , giustamente , si tengono ben lontani dall’uomo, come biasimarli !!!

Abbiamo fatto un bel picnic , perchè come sapete, la voglia di cucinare non manca mai e la mia odiata dieta nel giorno di Pasqua non conta ahahahaha 🙂

Vi lascio con qualche foto e aspetto i vostri racconti ❤

L’enigma di Alan Turing, l’uomo che vinse la guerra

Ieri per la prima volta ( ammetto la mia ignoranza) ho sentito parlare di questo personaggio affascinante ed enigmatico e della sua incredibile vita.

Alan Turing , matematico , logico e crittografo che viene considerato uno dei padri dell’informatica, nasconde nella un grande segreto in una vita apparentemente calma e tranquilla di un docente e studioso di matematica.

images (1)

La sua storia mi ha davvero affascinata e anche lasciato l’amaro in bocca per il suo triste finale, quest’uomo dalla mente eccelsa ha reso possibile la vittoria da parte delle forze alleate nella seconda guerra mondiale.

Quello che lui insieme ad altri studiosi hanno fatto è stato decifrare i messaggi criptati dai tedeschi tramite l’utilizzo di una macchina chiamata ENIGMA .

Enigma-plugboard

Ovviamente il lavoro fu immenso e Alan realizzò una macchina che prese poi il nome di MACCHINA DI TURING utilizzando come base di idea una macchina polacca utilizzata per decriptare chiamata BOMBA , ovviamente molto più avanzata e per questo considerata uno dei primi computer.

turing-bombe

Purtroppo la vita di questo sfortunato genio fu triste e solitaria , senza alcun riconoscimento da parte dello stato britannico, anzi , fu perseguito penalmente in quanto omosessuale e condannato con pena alternativa alla castrazione chimica che lo portò a molte disfunzioni quali la ginecomastia e stati depressivi che lo indussero al suicidio mediante una mela avvelenata dal cianuro di potassio all’età di 41 anni.

images

Solo ora , finalmente arrivano per lui i riconoscimenti ufficiali e la grazia postuma per quello che assurdamente veniva considerato un reato, morto senza mai poter rivelare a nessuno la sua storia, il suo essere un eroe di guerra che, pur non essendo in prima linea, ha portato alla vittoria di una guerra che stava distruggendo l’Europa intera.

Essendo una curiosa per natura non ho potuto resistere e ieri ho guardato il film a lui dedicato e mi permetto di suggerirvelo perchè mostra il lato fragile ed umano di una persona che ha permesso a tutti noi oggi di poter essere qui , liberi !!!

Eccovi il link

THE IMITATION GAME

70 ANNI IN 70 FOTO SECONDO L’ANSA DAL 1995 AL 2004

Di questo decennio gli avvenimenti che ricordo meglio sono sicuramente lo tsunami in Indonesia che ha portato morte e distruzione , il Giubileo a Roma , che , tralasciando le mazzette varie e i lavori incompiuti ha portato tanta gioia nei cuori di tanti credenti che si sono riuniti in una grandissima festa con un meraviglioso Papa, sempre allegro e sorridente come tutti noi lo ricordiamo.

Un altro terribile avvenimento è stato sicuramente l’attentato alle torri gemelle che ha portato paura , terrore e sgomento in tutto il mondo occidentale e che ha condizionato poi il futuro di tante scelte politiche e non solo, basti pensare alle misure di sicurezza modificate all’interno degli aeroporti.

La morte di Lady D che ha fatto il giro del mondo con quelle foto terribili, su cui rimane ancora oggi un velo di mistero…

Eccovi qui la carrellata fotografica con didascalia .

70 ANNI IN 70 FOTO SECONDO L’ANSA DAL 1985 AL 1994

Ci avviciniamo sempre di più ai giorni nostri e quasi al termine di questo piccolo reportage fotografico, non sono brava con le date ma una cosa la ricordo con certezza , nel 1985 a Cagliari , mia città natale fece una bella nevicata, cosa scontata per tanti per non per noi, visto che non nevica mai nella città del sole 🙂

Un piccolo aneddoto divertente su di me e su quella giornata, nonostante la felicità nel vedere la neve per la prima volta , mi sono fatta preparare e portare a scuola dalla mia mamma e con mia sorpresa ero l’unica bimba in tutta la scuola , ovviamente tutti vollero andare a giocare, mi scappa sempre un sorriso a quel ricordo, ero già una piccola secchiona 🙂 🙂 🙂

Vi lascio con una carrellata di foto con didascalia !!

70 ANNI IN 70 FOTO SECONDO L’ANSA DAL 1975 AL1984

Eccomi finalmente arrivata al decennio in cui sono nata io 🙂 precisamente nel 1978 !!! 

Questo decennio è stato scandito da fatti che hanno segnato la nostra storia come l’omicidio di Aldo Moro e della sua scorta e l’attentato al Papa.

Noto che più si va avanti con gli anni e peggiori sono le notizie di cronaca… solo morti e stragi, il giornalismo sta iniziando a cambiare in quel periodo? Da allora si è iniziata a sfruttare la cronaca dell’orrore?

Anche se non è contemplato in queste foto, ricordo , ero molto piccola, il caso di un bambino  di cui ho parlato tempo fa in questo articolo, è la storia di Alfredino Rampi, il bimbo caduto nel pozzo artesiano che nonostante gli sforzi di tutti non si è riusciti a salvare…

Forse ,come asserivo poco fa ,questo è stato il primo caso  della cronaca del dolore in diretta tv, che è andata sempre peggiorando sino  ai giorni nostri.

Eccovi la carrellata fotografica con didascalia 🙂

70 ANNI IN 70 FOTO SECONDO L’ANSA DAL 1965 AL 1974

Continuo con questo bellissimo viaggio nel tempo grazie alle fotografia di ANSA , alcune gloriose come la vittoria dell’Italia contro la Germania , altre segnano la parte più triste della storia italiana come l’omicidio del commissario Calabresi a Milano.

Ora godetevi foto e didascalia.

70 ANNI IN 70 FOTO SECONDO L’ANSA DAL 1955 AL 1964

Proseguiamo oggi con questo viaggio nel tempo che ci è stato offerto dall’ansa per il compimento dei suoi 70 anni, oggi vi mostrerò le foto dal 1955 al 1964 .

70 ANNI IN 70 FOTO SECONDO L’ANSA DAL 1945 AL 1954

Non ho potuto fare a meno di notare un articolo pubblicato da Ansa , per festeggiare i suoi 70 anni, ha deciso di utilizzare come mezzo la fotografia, che io adoro, hanno scelto delle foto di eventi che hanno scandito quegli anni dal 1945 al 2015.

Voglio riproporvele, divise a scaglioni decennali per fare viaggio nel tempo insieme a me…ecco vi le foto con didascalia 🙂

DAL 1945 AL 1954